confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

ASL, Gilda: “Studenti hanno buone ragioni per protestare”

Troppe le ore di alternanza scuola-lavoro e alunni troppo spesso sfruttati dalle aziende

venerdì 13 ottobre 2017
“Esprimiamo solidarietà agli studenti scesi in piazza per protestare contro le modalità con cui viene gestita l’alternanza scuola-lavoro”. È quanto dichiara la Gilda degli Insegnanti in occasione delle manifestazioni in corso oggi in 70 città italiane.

“Abbiamo criticato aspramente fin dal primo momento le norme inserite nella ‘Buona Scuola’ che prevedono obblighi quantitativi di ore di alternanza scuola-lavoro non compatibili con gli assetti dell’offerta formativa del triennio delle scuole superiori. Il nostro sindacato – spiega la Gilda – non è aprioristicamente contro questo tipo di esperienze che, se organizzate bene, possono essere occasioni di reale arricchimento formativo e culturale per gli studenti. Riteniamo, però, che fino ad oggi l’alternanza si sia dimostrata spesso un’inutile perdita di tempo per docenti e alunni e, in alcuni casi, addirittura una forma di sfruttamento del lavoro giovanile”.

“Troppe risorse sono state spese per un’esperienza che deve essere complessivamente rivista: si tratta di 100 milioni annui, senza considerare poi le migliaia di ore che i docenti devono dedicare all’organizzazione dell’alternanza e i tanti insegnanti del cosiddetto organico del potenziamento che, invece di andare in classe ad insegnare, svolgono mansioni impiegatizie per curare i rapporti con le imprese”.

“Comprendiamo, dunque, le ragioni degli studenti – conclude la Gilda – e chiediamo al Governo una radicale revisione della legge 107/2015 anche per quanto concerne l’ASL”.

Roma, 13 ottobre 2017
Ufficio stampa Gilda Insegnanti

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF