confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

60 minuti di tempo tuta e indennità di malattie infettive a tutti gli operatori sanitari. NurSind Viterbo scrive alla Asl

La pandemia del Covid-19 sta cambiando volto alle nostre abitudini, sta cambiando volto al mondo per come lo conoscevamo e fin anche ai nostri ospedali, ai tempi e modi di lavorare, e di fronte a questo non possiamo che chiedere per i lavoratori tutele maggiori” – a parlare è Alessandro Schilirò, segretario territoriale NurSind Viterbo che continua – la necessità di particolari operazioni di vestizione e svestizione prevista per gli operatori del ruolo sanitario nei reparti Covid data dall’utilizzo di DPI specifici che inducono obbligatoriamente ad un allungamento dei tempi di lavoro con conseguente ovvia necessità anche di usare le docce alla fine del turno di lavoro nel rispetto delle norme igieniche e tutela della salute pubblica, per questo i 15 minuti non sono più sufficienti ed abbiamo chiesto alla Asl Viterbo di autorizzare  una maggiorazione di 45 minuti oltre quanto già previsto dal CCNL cosi da avere un tempo totale riconosciuto pari a 60 minuti”.

 

“Contestualmente – dichiara il sindacalista – abbiamo sempre chiesto alla Asl che si estenda  il riconoscimento dell’indennità di malattie infettive prevista dall’art.86 co.6 lett. c del CCNL comparto sanità 2016-2018 a tutto il personale del ruolo sanitario senza distinzione alcuna, in quanto l’ attuale emergenza sanitaria pone inevitabilmente tutti gli operatori a rischio di contagio da Covid-19 senza distinzione di UU.00”, conclude Schilirò.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF