confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

22 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

500 milioni di euro alle paritarie e la scuola pubblica annaspa

Con docenti che percepiscono stipendi tra i più bassi della categoria in tutta Europa

Lunedì 24 luglio 2017
“Mentre la scuola pubblica annaspa con docenti che percepiscono stipendi tra i più bassi della categoria in tutta Europa e personale ridotto all´osso nelle segreterie delle scuole e negli uffici amministrativi, ci lascia basiti l´annuncio del sottosegretario al Miur, Gabriele Toccafondi, dell´arrivo di oltre 500 milioni di euro per gli istituti paritari”.

A dichiararlo è Rino Di Meglio, coordinatore nazionale della Gilda degli Insegnanti, che sottolinea come di anno in anno i fondi destinati alle scuole paritarie aumentino sempre di più.

“Non si tratta di una questione ideologica – prosegue Di Meglio replicando alle affermazioni di Toccafondi – ma ricordiamo al sottosegretario che l´articolo 33 della Costituzione stabilisce che ‘Enti e privati hanno il diritto di istituire scuole ed istituti di educazione, senza oneri per lo Stato´. Siamo convinti che la scuola pubblica statale meriterebbe ben altre risorse economiche”.

“Così come ha reperito questi nuovi e cospicui fondi di cui beneficeranno le scuole paritarie, il Governo dovrebbe impegnarsi con altrettanta solerzia nel trovare risorse quantomeno dignitose per il rinnovo del contratto del pubblico impiego, visto che per il biennio 2016-2017 ammontano a poco più di 30 euro lordi pro-capite, mentre per il 2018 non risultano ancora stanziate. Senza dimenticare – conclude il coordinatore nazionale della Gilda – che gli insegnanti italiani stanno ancora aspettando lo scatto di anzianità del 2013”.

Roma, 24 luglio 2017
Ufficio stampa Gilda degli Insegnanti

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF