confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

ANNO III NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2020

HomeArchivio

19 MARZO 2020

ANNO III NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2020

HomeArchivio

10 giugno 2020

ANNO III NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2020

HomeArchivio

29 settembre 2020

ANNO III NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2020

HomeArchivio

11 dicembre 2020

ANNO IV NUMERO 1 - gennaio / febbraio / marzo 2021

HomeArchivio

27 marzo 2021

ANNO IV NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2021

HomeArchivio

22 giugno 2021

GLI ESPERTI RISPONDONO

RINNOVO CONTRATTO SANITA’, NURSIND: NEL GIORNO DELLO SCIOPERO DEL 23 FEBBRAIO, ANCHE SIT-IN A ROMA DEGLI INFERMIERI

Nel giorno dello sciopero nazionale, indetto dai sindacati infermieristici NurSind e Nursing Up per il prossimo 23 febbraio, come avevamo già preannunciato, si terrà anche un sit- in a Roma. Gli infermieri si sono dati appuntamento in piazza Santi Apostoli dalle ore 11 alle 14”. Lo rende noto Andrea Bottega, segretario nazionale NurSind. Prima di spiegare: “La scelta del luogo non è casuale: manifesteremo a poca distanza, infatti, dalla sede del ministero della Funzione Pubblica. Da piazza Santi Apostoli, quindi – prosegue – urleremo tutta la nostra contrarietà nei confronti di un contratto in perdita, del continuo definanziamento del Fondo sanitario nazionale e del reale rischio di smantellamento del Sistema sanitario nazionale, proprio nella ricorrenza del suo quarantesimo anno di vita. E ribadiremo le nostre richieste a difesa della professionalità della categoria, del giusto salario e di una sanità pubblica che garantisca un’assistenza sicura e di qualità”. Secondo Bottega, infatti, “la dignità della professione e quella del lavoro degli infermieri non possono essere calpestati da politiche di risparmio economico, come sta emergendo dalle proposte contrattuali in discussone. Ad andarci di mezzo è lo stesso sacrosanto diritto costituzionale alla salute. Ecco perché – conclude il sindacalista – rifiutiamo questa fretta nel volere chiudere subito la partita dei contratti che vanno, invece, definiti bene, nel rispetto della nostra categoria. Non possiamo accettare e non accetteremo di trattare per un contratto peggiorativo rispetto al precedente, sia sul piano economico che dei diritti, solo perché l’appuntamento con le elezioni politiche e con quelle delle Rsu incombe”.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF