confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

ANNO II NUMERO 4 - ottobre / novembre / dicembre 2019

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2019

Teramo, il NurSind incontra l’assessore Nicoletta Verì: “massimo impegno per i diritti del lavoratori”

Una delegazione del NurSind Teramo, il sindacato delle professioni infermieristiche, ha incontrato l’assessore alla Sanità della Regione Abruzzo, Nicoletta Verì, per informarla delle principali tematiche al centro dell’attuale azione sindacale. Presenti all’incontro composta il segretario territoriale Giuseppe De Zolt ed il delegato RSU Francesco Visciotti.
La segreteria territoriale del NurSind, anche tramite i delegati RSU della ASL di Teramo, sta conducendo diverse battaglie scaturite dall’interpretazione del nuovo CCNL 2016-2018 (che ricordiamo NurSind essere l’unico sindacato a non averlo firmato ). Particolare disagio ha provocato l’interpretazione dell’art.86 commi 3-4 che parlano di indennità di turno per chi lavora mattina/pomeriggio o mattina/pomeriggio/notte. Un problema risolto dopo una lunga contrattazione con l’Azienda, ristabilendo dei parametri di valutazione accettabili per l’erogazione dell’indennità. Sono stati riconosciuti gli arretrati a chi ha perso le indennità durante l’anno 2019 e l’applicazione del nuovo calcolo da gennaio 2020.
Altro problema è dato dall’erogazione dell’indennità di sub-intensiva (art. 86 comma 6) che spetta a chi lavora in reparti con pazienti con moderata o potenzialmente severa compromissione degli equilibri fisiologici che richiedono un supporto tecnologico elevato ma non necessariamente un supporto artificiale e invasivo delle funzioni vitali. L’interpretazione dell’azienda ha sospeso il pagamento dell’indennità nei reparti di 118, Pronto Soccorso, OB (osservazione breve), cardiochirurgia e neurochirurgia, di fatto non riconoscendo il lavoro svolto in queste unità operative e rimandando l’individuazione dei reparti aventi diritto all’erogazione dell’indennità ad un confronto con la Regione. Queste decisioni della ASL teramana hanno creato una disparità di trattamento con i lavoratori delle altre ASL abruzzesi che al contrario, giustamente, continuano a riconoscere nelle suddette unità operative l’indennità di sub-intensiva.
Analogamente si è deciso di rimandare alla Regione la redazione di linee guida di indirizzo in riferimento alle “prestazioni orarie aggiuntive” necessarie per garantire la continuità nell’erogazione dei LEA (Livelli Essenziali di Assistenza), altro aspetto previsto dal CCNL comparto sanità 2016-2018 (art. 6 comma 1 lettera d). Fermo restando l’assoluta convinzione di questa organizzazione sindacale di dover raggiungere gli obiettivi previsti ponendo fine alla cronica carenza di personale attraverso assunzioni di infermieri, ostetriche, tecnici di radiologia, OSS, autisti e tutte le altre figure carenti.
“L’incontro con l’Assessore Verì è stato positivo in quanto si è mostrata da subito disponibile e sensibile agli argomenti proposti, per i quali ha prospettato il coinvolgimento del nuovo direttore del Dipartimento Sanità della Regione Abruzzo”, commentano il segretario provinciale del NurSind Teramo, Giuseppe De Zolt ed il dirigente sindacale Francesco Visciotti. “Siamo sicuri di un buon esito delle nostre battaglie e continueremo ad impegnarci al massimo per i diritti dei lavoratori”.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF