confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

Alla scuola italiana un bel 4! Docenti più vecchi e spesa più bassa d’Europa: per Fioramonti compito improbo

Qui è tutto sbagliato, qui è tutto da rifare! L’aforisma più utilizzato dal mitico e “giusto” Gino Bartali risulta forse il più adatto per giudicare lo stato della scuola pubblica italiana: una scuola, ci dice oggi la Commissione europea, fatta di insegnanti avanti negli anni, i più vecchi d’Europa, molti “prossimi alla pensione”, di docenti donne relegate ai gradi d’istruzione inferiori, e investimenti “nettamente inferiori” alla media. Insomma, per il nuovo ministro dell’Istruzione, Lorenzo Fioramonti, la strada appare davvero in salita.

Docenti troppo “vecchi”

Secondo la Commissione Ue, nel 2017 oltre la metà (58%) dei docenti della scuola primaria e secondaria aveva più di 50 anni (contro il 37% nell’Ue) e il 17% superava i 60 anni (contro il 9% nell’Ue).

La percentuale dei docenti prossimi alla pensione è dunque “elevata” e “nei prossimi 15 anni una media di 3,8% docenti all’anno potrebbero ritirarsi”, ha scritto Bruxelles nel rapporto nazionale.

Tantissime donne concentrate nel primo ciclo

Anche sull’altissima presenza di donne docenti, c’è qualcosa che non torna.

L’Italia detiene, infatti, ha una delle più alte percentuali di insegnanti donne tra gli Stati membri, solo che la loro presenza diminuisce con l’aumentare del grado di istruzione, trend che si ripete anche in Ue.

Nel 2016 le insegnanti donne erano il 99% nella scuola materna, il 63% nella secondaria superiore e il 37% nelle università.

Spesa nettamente inferiore

Ma è sugli investimenti nell’istruzione (il 3,8% del Pil e il 7,9% della spesa pubblica totale) che si regista il gap maggiore rispetto agli altri Paesi moderni del vecchio Continente.

In Italia, gli investimenti, purtroppo, sono inferiori alla media Ue (4,6% del Pil), in particolare per quella superiore. Una condizione che si riflette anche sugli stipendi dei docenti e Ata, anche questi tra i più bassi nell’area Ue, dopo i Paesi dell’Est e la Grecia.

A pesare negativamente è soprattutto la formazione post-diploma. Se la quota di Pil investita dall’Italia nell’istruzione primaria e secondaria è infatti quasi in linea con la media Ue, la spesa per l’istruzione terziaria è la più bassa dell’Ue: solamente lo 0,3% del Pil nel 2017 (contro lo 0,7% dell’Unione europea).

Alla scuola italiana un bel 4! Docenti più vecchi e spesa più bassa d’Europa: per Fioramonti compito improbo

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF