confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

ANNO II NUMERO 3 - luglio / agosto / settembre 2019

HomeArchivio

19 SETTEMBRE 2019

Lo Statuto dei lavoratori. A quasi cinquant’anni dalla nascita, pietra miliare della libertà sindacale

Il 20 maggio 1970 nasceva la legge 300/70, conosciuta come lo “Statuto dei lavoratori”. Il provvedimento, uno dei più avanzati al mondo in tema di diritti sul lavoro, approvato alla Camera con 217 voti favorevoli della maggioranza del Governo, è tutt’ora una pietra miliare della libertà sindacale.

Con lo Statuto si diede piena attuazione alle disposizioni previste dalla Costituzione e fino ad allora non applicate, tutelando la dignità e la libertà del lavoratore e sostenendo la presenza dei sindacati nei luoghi di lavoro.

Lo Statuto nacque dopo anni di lotte caratterizzate dal conflitto sindacale- politico arrivato al culmine nell’autunno caldo del 1969, in cui venne istituita una Commissione governativa per l’elaborazione del testo dello statuto, presieduta dal socialista Gino Giugni, padre dello Statuto.
Oggi, a quasi cinquant’anni dalla sua nascita, è la fonte normativa più importante in tema di libertà sindacale:

  • Titolo II (art 14-18): garantisce il rispetto delle libertà sindacali.
  • I Titoli III e IV (art 19-32), contenenti una serie di norme a sostegno delle attività sindacali.
  • Art. 19 (Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali);
  • Art. 20 (Assemblea)-I lavoratori hanno diritto di riunirsi, nell’unità produttiva in cui prestano la loro opera, fuori dell’orario di lavoro, nonché durante l’orario di lavoro;
  • Art. 28 (Repressione della condotta antisindacale) Qualora il datore di lavoro ponga in essere comportamenti diretti ad impedire o limitare l’esercizio della libertà e della attività sindacale nonché del diritto di sciopero, il pretore del luogo ove è posto in essere il comportamento denunziato, nei due giorni successivi, qualora ritenga sussistente la violazione di cui al presente comma, ordina al datore di lavoro, con decreto motivato ed immediatamente esecutivo, la cessazione del comportamento illegittimo e la rimozione degli effetti.

Dott.ssa Marialuisa Asta

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF