confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

Rubrica Istruzione

A cura di FGU – Federazione Gilda Unams

D: Sono un docente di scuola primaria e vorrei sapere se con il nuovo CCNL 2016/2018 sono cambiate le norme relative ai tre giorni di permesso retribuito per motivi personali o familiari?

Umberto, Rovigo

R: Il CCNL 2016/2018 non ha modificato le norme contrattuali per la fruizione dei permessi retribuiti del personale docente a tempo indeterminato, infatti tra gli oltre 120 articoli rimasti in vigore del CCNL 2006/2009 troviamo l’art. 15 “Permessi retribuiti”. In particolare l’art. 15, c. 2 dispone che il personale scolastico “ha diritto, a domanda, nell’anno scolastico, a tre giorni di permesso retribuito per motivi personali o familiari documentati anche mediante autocertificazione. Per gli stessi motivi e con le stesse modalità, sono fruiti i sei giorni di ferie durante i periodi di attività didattica di cui all’art. 13 comma 9, prescindendo dalle condizioni previste da tale norma”.

Questo significa che i tre giorni retribuiti per motivi personali o familiari sono un diritto per il docente il quale ha, inoltre, diritto a utilizzare, sempre per gli stessi motivi, anche i sei giorni di ferie. Se i sei giorni di ferie rientrano nella casistica dell’art. 15 c. 2, non sarà necessario per il docente trovarsi i sostituti.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF