confederati

clicca sulle immagini
per accedere
alle relative pagine

anno II numero 1 - gennaio / febbraio / marzo 2019

HomeArchivio

28 Febbraio 2019

ANNO I NUMERO 1 - OTTOBRE / NOVEMBRE / DICEMBRE 2018

HomeArchivio

10 DICEMBRE 2018

ANNO II NUMERO 2 - aprile / maggio / giugno 2019

HomeArchivio

17 GIUGNO 2019

Senza investimenti nell’istruzione stipendi degli insegnanti al palo

La pubblicazione del “Conto annuale 2016 sul pubblico impiego[1]”,  a cura della Ragioneria Generale dello Stato, presenta un quadro d’insieme della consistenza e dei costi del personale della Pubblica Amministrazione (PA).

L’analisi dei dati che riguardano la scuola indica che il personale scolastico ammonta, nel 2016, ad 1.106.180 unità (873.691 femmine e 232.489 maschi). La spesa complessiva, lordo stato, per gli stipendi erogati al personale della scuola nel 2016 è di poco inferiore ai 42 miliardi di euro e la retribuzione lorda media è di 28.403 euro annui.

La tabella dimostra che gli stipendi del personale scolastico sono i più bassi di tutta la PA. Lo storico del confronto tra gli stipendi di scuola, regioni ed enti locali e ministeri indica che l’inizio della parabola discendente degli stipendi del personale scolastico rispetto a quelli degli altri settori della PA data al 2015, l’anno della Buona Scuola che con l’immissione di oltre 50.000 insegnanti con stipendio iniziale ha sicuramente contribuito ad abbassare la media. A questo si aggiunga che durante gli otto anni di blocco dei Contratti nazionali gli stipendi dei dipendenti degli altri settori hanno beneficiato dell’aumento delle risorse integrative, che per la scuola sono invece diminuite.

Il dato che però è in grado di spiegare al meglio questa differenza non è nel Conto annuale, ma si trova nel rapporto 2016 di Eurostat, il quale documenta che il nostro paese investe solo il 3,9% del PIL nel settore dell’istruzione, quando la media europea è del 4,7%.

Questa breve analisi dei numeri del nostro sistema di istruzione evidenzia la necessità di aumentare in modo significativo la percentuale del PIL da investire in istruzione. In caso contrario non ci potrà essere alcun incremento degli stipendi del personale scolastico, il divario con gli stipendi dei docenti degli altri paesi aumenterà e le retribuzioni degli insegnanti italiani continueranno a perdere potere d’acquisto.

Gianluigi Dotti

 

Andamento retribuzione media dei dipendenti di Scuola, Regioni e Autonomie Locali e Ministeri.

[1] La pubblicazione si trova al link www.contoannuale.tesoro.it – Qui, come previsto dal titolo V del d.lgs. 165/2001, si trovano i dati che il Sistema Conoscitivo del personale dipendente dalle amministrazioni pubbliche (SICO), gestito dal Dipartimento della Ragioneria Generale dello Stato (IGOP), ha raccolto per gli anni che vanno dal 2001 al 2016.

Clicca sull'immagine per aprire il file in formato PDF